Una bella esperienza della quale sarei felice di farvi partecipe, l’ho fatta in Olanda durante le vacanze estive nel 1965.

Vicino a Hilversum ci sono le note “Loosdrechtse Plassen”, letteralmente “Pozzanghere di Loosdrecht”. In realtà sono dei laghi non tanto grandi, ma non troppo piccoli per essere la gioia di chi vuole passare qualche giorno a veleggiare.

Come si ha l’impressione di incontrare più biciclette che automobili, così in Olanda lo sport della vela è praticato anche—ed è molto tipico—da barchette alla portata di chi desidera vivere un sincero rapporto di amicizia con la tanta acqua presente in quel paese.

E’ sufficiente iscriversi presso uno dei club che organizzano delle settimane di permanenza che includono la presenza continua di istruttori e l’uso delle barche.

Si usavano barche con una piccola chiglia fissa, adatte per sei persone e il vento estivo moderato era quanto ci voleva per una settimana in mezzo all’acqua.

Finita la settimana ho avuto la fortuna di soggiornare ancora per alcuni giorni su una chiatta, trasformata per ospitare una ventina di persone navigando nei tanti canali e fermandoci ogni giorno per veleggiare.

Oltre alla gioia di questa esperienza sportiva è stato per me molto interessante e impressionante vedere quella parte dell’Olanda sottratta all’acqua e al mare. E quei canali, nelle zone più a nord, in inverno si trasformano in piste di pattinaggio su ghiaccio.

     

Melodia di Maria, gennaio 2013  

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Museo Casa
di Osiride Brovedani

Per scoprire come sono nate la Fondazione e la Casa Albergo gratuita
e tutto ciò che è stato possibile realizzare grazie al signor Fissan e al suo sogno di aiutare il prossimo

benetton e fissan: buone sinergie – parte 2

Nel 1981 Friulia propose alla Fissan l'acquisto di Ledysan, un'azienda di Valvasone produttrice di pannolini per bambini che era in bancarotta. Tale acquisto comportò ovviamente una ristrutturazione tecnica, ma il successò arrivò velocmente grazie a nuovi prodotti...

il manoscritto rubato

"Quella notte i francesi mi derubarono del tascapane che conteneva ben poca roba per loro: un cucchiaio, dello spago, un paio di guanti, un fazzoletto. Ma in quel tascapane c’era qualche cosa che aveva per me un valore inestimabile: le due sole lettere ricevute da...

Un grande plastico, una Fondazione in miniatura

Una delle sale del museo è dedicata alla Casa Albergo: sulle pareti di colore verde sono esposte le foto di momenti quotidiani della vita qui a Gradisca, e al centro troneggia il grande plastico della struttura, realizzato da un ospite, Michele Caldarola. Affascina...

Il Bubez e il joker: dal tedesco al triestino

Bubez, garzone… chissà quanti triestini sanno che deriva dal tedesco der Bube? Cioè, il Joker, quello che va bene ovunque. E Brovedani iniziò facendo il galoppino tuttofare al Piccolo ma, curioso com'era, si mise ad un certo punto a studiare anche il tedesco, lingua...

Un tuffo negli anni Sessanta

Possiamo datare questi scatti al 1965 circa, ovviamente ottica Leica perché Osiride era parsimonioso e non aveva grandi esigenze, ma sapeva coltivare le sue passioni!

una casa, tante storie

Sulla pedana della grande stanza in cui viene accolto il visitatore del nostro museo, troneggiano due sedie in legno dalla foggia ricercata, che colpiscono sempre per il particolare design rustico e montanaro. Appartengono ad un salottino insieme ad un divanetto della...

La vita dei colori

Con questa primavera così prorompente, non possiamo non parlare di colori. I colori hanno un impatto molto importante sulla nostra parte emotiva, poiché sono molto più che un fenomeno ottico: ogni sfumatura ha un determinato impatto sul cervello. Proprio questi...

Ricominciamo dalle scuole

Abbiamo aderito con una donazione alla nuova campagna avviata dalla Rai, in collaborazione con il Dipartimento della Protezione Civile, denominata “Ricominciamo dalle scuole”.

Osiride Brovedani e Trieste raccontati da Paolo Mieli. Non mancate!

Due iniziative volte a onorare la memoria di Osiride Brovedani: l’inaugurazione del museo a lui dedicato, e l’incontro pubblico con il giornalista Paolo Mieli per raccontare meglio questa carismatica figura.

i gatti di osiride

Osiride adorava i gatti, per cui la fabbrichetta di via d'Alviano era invasa dai gatti, con il suo benestare. Le sue segretarie raccontano la scena divertente: già lui era un po' gobbo a causa della sua notevole statura e dell'età, il gatto lo costringeva a stare...