Lo diciamo sempre che il nostro è un museo partecipato: chi passa spesso regala un aneddoto, talvolta un oggetto dal passato. 

Sono pezzi di storia, piccoli tasselli di un grande mosaico, quello che ancora oggi è visibile nell’opera prima di Osiride Brovedani, ovvero la Casa Albergo gratuita per anziani. 

È il caso di questa confezione di zolfo in polvere per il viso da usare come una cipria: comprendeva due vasetti, uno con profumazione e uno senza, per un costo totale di 150 Lire. Era disponibile in tre tonalità di colore, ma la frase più originale è quella apposta alla base: “esportazione vietata pena risarcimento danni”.
Lo zolfo limita la sovrapproduzione di sebo e ristabilisce il giusto equilibrio del ph sull’epidermide, e ha proprietà antinfiammatorie, astringenti e disinfettanti..

Inoltre abbiamo aggiunto all’allestimento il libretto su cui, nel 1968, Osiride segnava le informazioni quando faceva il pieno alla macchina: quanti litri, quanti chilomtrei, il cambio olio. Forse è anche essendo così meticolosi e precisi che si diventa dei ricchi imprenditori!
D’altronde, come raccontano i nipoti nell’intervista che ci hanno rilasciato, a loro soleva dire: “Te sa perché quei che i li ga, i li ga? Perché no i li spendi!” (Sai perché chi ha soldi li ha? Perché non li spende!”)

Infine, abbiamo ricevuto un depliant dei prodotti Benetton – Fissan, con tutte le fantasie disponibili per i pannolini dei bambini, prodotto che negli anni ’80 andava a ruba sul mercato internazionale.

Menzioniamo anche la nuova sezione del sito dedicata alle nostre pubblicazioni, scaricabili gratuitamente in formato ebook e raggiungibile a questo indirizzo.